Ricevuto l’invito per Google Wave: ecco le prime impressioni

Appena ho ricevuto l’email contenente l’invito alla preview di Google Wave (di cui avevo già parlato qualche post fa) mi sono catapultato nel sito del nuovo servizio di BigG: ecco le mie impressioni.

google_wave_logo

Una volta entrato, la prima impressione che ho avuto è stata quella di essere dannatamente solo all’interno di un servizio pensato fondamentalmente per comunicare con altri. Senza scoraggiarmi ho invitato alcuni miei amici e ho iniziato a scambiare alcuni messaggi.

Vi elenco brevemente le cose che mi hanno maggiormente colpito:

  • Il flusso dei messaggi non è strettamente sequenziale: le risposte possono essere aggiunte anche a messaggi interemedi diramando quindi la conversazione in più sottoconversazioni.
  • Ogni messaggio, indipendentemente dall’autore, può essere modificato da qualunque altra persona facente parte della Wave.
  • Se più persone partecipano contemporaneamente alla stessa Wave il testo digitato da uno viene visto in tempo reale anche da tutti gli altri. Osservando le chiamate Ajax con Firebug si nota un certo traffico.
  • È possibile inserire nella conversazione delle estensioni prodotte da sviluppatori esterni attraverso le Google Wave API.
  • Internet Explorer non è supportato: per accedere al sito si possono utilizzare Firefox, Safari o Chrome.
  • Google Wave è in fase preview: molte funzioni sono ancora disabilitate e non è possibile, ad esempio, effettuare l’upload di file all’interno delle Wave.

Qualcun’altro di voi ha ricevuto l’invito per Google Wave? Quali sono le vostre impressioni?